.
Annunci online

cani-sciolti
27 ottobre 2010

Catania, la partecipazione diretta arriva in Comune

Regolamento attuativo degli istituti di partecipazione popolare, il consiglio comunale approva all'unanimita'. Il comitato Noi Decidiamo: "dopo 15 anni, finalmente i catanesi potranno esercitare pienamente i loro diritti di cittadini".

Con grande orgoglio il Comitato Noi Decidiamo è felice di annunciare a tutti i cittadini catanesi che dopo quindici anni di attesa il regolamento attuativo degli istituti di partecipazione diretta dei cittadini previsti dallo Statuto è stato finalmente approvato dal Consiglio comunale.

*Con voto unanime*, l'Assise cittadina ha ieri sera espresso voto favorevole alla nostra proposta di regolamento presentata un anno e mezzo fa sotto forma di petizione e recepita poi da alcuni consiglieri comunali.

Nel 2007 un gruppo di cittadini si erano riuniti nel Comitato "Noi Decidiamo" con l'obiettivo di ottenere l'attuazione dei loro diritti (diritto di petizione, di istanza, di udienza, di consultazione popolare, di referendum consultivo/propositivo/abrogativo) e dopo più di tre anni di duro
lavoro finalmente il risultato è stato raggiunto.

Con viva commozione i membri del Comitato consegnano virtualmente questo regolamento attuativo ai loro concittadini, affinché possano usufruirne per fare pesare la loro opinione nella risoluzione dei problemi della città, per vivere attivamente le scelte che li riguardano, per realizzare finalmente un serio ed attivo contributo alla crescita civica di Catania.

La vera sfida inizia proprio adesso.

COMITATO NOI DECIDIAMO
Referente: Mirko Viola - Tel. 3406892762



25 ottobre 2010

Solidarietà a Pino Maniaci

Catania, 21 ottobre 2010

CittàInsieme esprime piena e profonda solidarietà ad una delle voci più libere della Sicilia: Pino Maniaci.
Vigliaccamente minacciato dalla mafia, Pino non deve smettere di svolgere la sua preziosa attività ed andare via da Partinico, come invece vorrebbero coloro che hanno minacciato di morte lui e la sua famiglia.
Gli siamo vicini e ci auguriamo che altrettanto facciano tutti gli uomini liberi di questa terra bellissima e disgraziata.



4 ottobre 2010

Sul controllo preventivo al giornale "Sud"

   
Comunicato di CittaInsieme

L'art. 21 della Costituzione (che, a quanto ci risulta, è ancora vigente) afferma chiaramente che la «stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure». Questo principio fondamentale di democrazia e libertà non sembra essere stato rispettato lo scorso 30 settembre alle ore 16.30, quando sei ispettori ed un dirigente della polizia postale si sono presentati alla redazione del giornale SUD per prendere visione (su "ordine di esibizione" del Procuratore della Repubblica) del numero 1 del giornale ancora in fase di pubblicazione.

L'associazione CittàInsieme esprime solidarietà a tutta la redazione del giornale SUD per questa inaudita iniziativa di "controllo preventivo" della magistratura catanese sulla stampa, a detta di chi l'ha subita dovuta a pressioni del Presidente della Regione Siciliana Raffaele Lombardo, a detta del Procuratore della Repubblica Vincenzo D'Agata effettuata allo scopo di evitare fughe di notizie suscettibili di compromettere le indagini in corso. Si tratta in entrambi i casi di un atto che ha violato il sacrosanto principio dei giornalisti di fare il proprio dovere: dare le notizie.

In un Paese democratico i controlli sulla stampa dovrebbero essere effettuati successivamente alla pubblicazione di una notizia, qualora questa presenti profili di illiceità penale, e non certamente prima.

Se questo fatto dovesse veramente costituire un inquietante precedente, allora ben presto tutte le redazioni giornalistiche d'Italia saranno affollate di poliziotti prima dell'uscita di ogni nuovo numero.



settembre        novembre
in evidenza

29 dicembre 2010 La fine dell'anno La fine dell'anno è arrivata. Il primo decennio del  XXI secolo si è concluso. Ho riascoltato i discorsi di fine anno dei nostri Presidenti della Repubblica. Qualcuno leggeva altri andavano a memoria. Gli argomenti? Disoccupazione, emigrazione, terrorismo, studenti, assassini comuni e politici.  la costanza di tali elementi  mi è ... (continua) Leggi tutto

chi sono
cani-sciolti
Rubriche
diario
I libri per chiarelettere

I nuovi mostri
Oliviero Beha





Scheda libro
Acquista online

Italiopoli
Oliviero Beha





Scheda libro
Acquista online

prossimi appuntamenti
Tutti gli appuntamenti
links
archivio



Blog letto 1 volte
bacheca